Il parco artistico nel vigneto:
"Orme Su La Court".

Sito web: www.lacourt.it
Immagini del Parco (300dpi): clicca qui.

 

Inaugurato nell'estate del 2003 il parco a tema Orme Su La Court nasce da un'idea dell'Associazione O.R.M.E. e da un progetto dallo scenografo Emanuele Luzzati, realizzato con la collaborazione di molti arti sti nei vigneti di Castelnuovo Calcea, 15 km da Asti.

Si tratta di un percorso d'arte e di paesaggio che, seguendo le orme dedicate ai quattro elementi fondamentali, segna un itinerario tra sentieri, vigneti e cascine costellato di installazioni colorate, sculture suggestive, opere d'arte che nascono e vivono nella natura.

 
 
 
Materiali di recupero, serigrafie d'autore e angoli che rappresentano i quattro elementi del pianeta. Così un vigneto adagiato sulle colline astigiane diventa una grandiosa opera d'arte all'aperto. Sentieri tra le vigne, soste tra le cascine, degustazioni di vini e prodotti tipici, ma soprattutto eventi, mostre d'arte e percorsi culturali. Giancarlo Ferraris, presidente dell'Associazione O.R.M.E., cura la direzione artistica del progetto.

Descrizione del parco.

Il percorso artistico, proprio per lo spirito improntato alla libertà e all'improvvisazione della creazione estemporanea, suggerisce l'idea di work in progress. La luce del sole accarezza legni dipinti, ravvivandone i colori, sfiora ferri di recupero arrugginiti, facendone risaltare la matericità, colpisce vetri dai segni arcani, penetrandone con violenza le trasparenze. Scenografie naturali fanno da sfondo a estrinsecazioni d'idee e intuizioni, manufatti dalla difficile attuazione od opere assemblate velocemente, sulle ali della fantasia.

Sull'aia della Cascina, si sarà accolti da personaggi che sembrano usciti da una fiaba, creati dalla fantasia poetica del compianto maestro Emanuele Luzzati. La Regina, il Re, il Menestrello, il Drago e altri, realizzati in legno ad altezza d'uomo, fanno da parapetto, accanto al tavolo dalle sembianze feline realizzato dal Centro Del Mutamento, e all'Albero dei bambini: il possente ippocastano dai rami secchi che esibisce, ad arte, strani frutti, perfetti nei loro cromatismi primari. Il cubo blu, la piramide gialla e la sfera rossa.

Non molto distanti, a inizio percorso, altre piccole aeree sculture in legno realizzate dal Centro Del Mutamento, pendono da sottili fili d'acciaio e vibrano in sintonia, al primo alito di vento, formando una quinta in continuo movimento. I simboli raffigurati anticipano quello che s'andrà a scoprire: il tracciato del percorso sulle colline identificato con un cavallino filiforme.

Protetto dai cipressi, splende il Sito del Fuoco, rappresentato da una girandola, antico simbolo alchemico dove le Fiamme di Fabio Cavanna fanno corona al sole di Luzzati.

Il Sito dell'Acqua. Su un'alta parete formata da piastrelle in vetro fuso di Fabio Cavanna e ceramica raku di Dedo Roggero-Fossati, spicca un'enorme, materna, sirena in terracotta, pensata da Luzzati e realizzata da Marcello Mannuzza. L'acqua che scende sfruttando la pendenza della collina, s'incanala in un labirinto luccicante al cui centro s'innalza una piramide in vetro di Peppino Campanella.

Più avanti, uccellini colorati sembrano volteggiare in enormi voliere di ferro. È il Sito dell'Aria da cui si scorgono cappezzagne con teste segnapalo, terribili numi tutelari posti come guerrieri medievali a difesa dell'uva, prezioso, antico tesoro.


Elenco degli artisti e dei professionisti che hanno maggiormente collaborato alla realizzazione del progetto:

Emanuele Luzzati, Giancarlo Ferraris, Fabio Cavanna, Dedo Roggero-Fossati, Ronaldo Carbone, B. Balthasar, Marcello Mannuzza, Peppino Campanella. Architetti: Simona De Paoli e Barbara Migliardi.

"Lance" di Ronaldo Carbone. Parco
artistico nel vigneto Orme Su La Court.

Il Parco si compone dei seguenti siti allestiti dagli artisti partecipanti al progetto:

apri una mappa del percorso

LA PORTA. Traccia simbolica che indica l'ingresso.

LE ORME SU LA COURT. Basi funzionali sul tema dei quattro elementi: Terra, Aria, Acqua, Fuoco.

L'OSSERVATORIO. Torre di osservazione per il riconoscimento di vigneti, paesi e colline del territorio della Barbera d'Asti.

GLI SPAZI. Aree di meditazione con mostre periodiche e avvenimenti culturali.

TESTE SEGNAPALO. Tratti di percorso in vigna con sculture sui pali di inizio filare.

Cascina La Court: mostre nel fienile.

Cascina Castello: cinema sull'aia.

Albero dei bambini: spazio giochi.

 

Premi e riconoscimenti ufficiali:

Ottobre 2005 - Il Parco Artistico Orme Su La Court si è aggiudicato il premio indetto dalla Provincia di Asti d'intesa con l'Osservatorio Del Paesaggio dal titolo: "Inerventi progettuali di qualità nell'Astigiano e nel Monferrato". Gli architetti Simona De Paoli e Barbara Migliardi hanno vinto il concorso sugli interventi progettuali nel paesaggio astigiano, indetto dalla Provincia d'intesa con l'Osservatorio del paesaggio. Le due giovani professioniste hanno presentato un progetto di parco arti stico nel vigneto «Orme su la Court in Castelnuovo Calcea», intervento realizzato dall'impresa Valter Gallo (Montabone).
[ vedi articolo ]

 

2004 – Biennale di Venezia: 3° Premio Bica 2004. Il Parco è stato premiato ai Giardini di Castello di Venezia al BICA, Biennale di Comunicazione Ambientale nell'ambito Impresa e Cultura. Sistema Impresa e Cultura. Impresa e Cultura: un'alleanza che fa Ia differenza in tempi in cui la crescita delle aziende passa attraverso la capacità di distingersi sul mercato e di generare fiducia nei consumatori. Il Premio intende incoraggiare la diffusione dell'investimento culturale nel nostro Paese: un viaggio alla scoperta di tante storie di imprenditori dotati di lungimiranza, passione e capacità manageriale.
[ vedi articolo ]

Eventi nel parco:

2009

4 luglio 2009: "POP IN VIGNA "
nel parco artistico “Orme su La Court”

Torna, come ormai da consolidata tradizione, l'appuntamento estivo con l'arte, la musica e, naturalmente, il vino, nel Parco Artistico nel vigneto "Orme Su La Court" di Michele Chiarlo a Castelnuovo Calcea, nel cuore del territorio più tipico dei vini piemontesi.

L'appuntamento è per il 4 luglio 2009: la collina si accende a festa proponendo una serie di eventi guidati dal filo conduttore “Pop in vigna”.

 

Tantissimi gli appuntamenti proposti nella serata di festa tra i filari della Barbare di Michele Chiarlo; primo tra tutti, nel suggestivo e raurale spazio artistico del fienile, l'esposizione dei quadri di Ugo Nespolo , uno dei più noti e importanti artisti italiani, conosciuto in tutto il mondo ma fortemente legato alla sua terra piemontese d'origine.

2008

5 luglio 2008 “MUSICA IN VIGNA.
FRED E FAUSTO: CHE SWING! ”

Ad arricchire l' Archivio storico della memoria, l'Evento 2008, aperto al pubblico per la serata del 5 luglio, promette attimi di festa fin dal titolo: Musica in Vigna, con la celebrazione di due altri “immortali” piemontesi: Fred Buscagliene e Fausto Coppi. Due personaggi, che, ognuno a suo modo, hanno saputo portare le diverse anime di questa terra nel mondo, facendo sognare milioni di persone. L'uno con la musica del suo swing e l'aria da “duro” interpretata in tanti spettacoli e film.

 

L'altro con quell'espressione sempre un po' triste e la forza delle sue gambe da “uomo solo al comando”, che si consacrò mito inarrivabile in una tappa tutta piemontese del Giro del '49 da Cuneo a Pinerolo. Due piemontesità differenti e uniche. Due facce di una stessa medaglia che parla di valori e tradizioni mai dimenticate. Due ambasciatori di un terra che li festeggerà in un luogo unico e magico, con le note della festa amplificate dai filari delle vigne del Parco Orme su La Court.

2007

6 e s 7 luglio 2007 “LA MAGIA IN VIGNA. GLI ANNI '40 ”

Rivivranno gli anni ’40, rivivrà lo stile di quel decennio, il fascino di quel tempo e dei personaggi d’eccellenza che hanno reso celebre il Piemonte nel mondo. Guglielmo Gabetto, centravanti del Grande Torino; Giacomo Morra, il Re del Tartufo d’Alba, che per primo ne nobilitò l’immagine e ne diffuse il culto culinario; l’indimenticabile Beppe Fenoglio con i personaggi di Milton e Fulvia; il mitico Borsalino, nome talmente famoso da diventare sinonimo di un particolare oggetto, e molti altri.

 

Inaugurazione dell' archivio multimediale permanente. In una delle sale espositive all’interno della Cascina Castello verrà inaugurato un archivio multimediale permanente dedicato ai piemontesi eccellenti, attuali e del passato, reali o immaginari. L’archivio si arricchirà di materiale informativo, documenti cartacei, oggetti, ricordi, appunti e feticci personali, allestiti con ironia e reinterpretati ad arte, in modo da creare installazioni che possano coniugare pezzi della memoria ed arte contemporanea.

Ai personaggi storici si ispirerano infatti le realizzazioni degli artisti contemporanei dell’associazione O.R.M.E., autori di molte delle opere già presenti all’interno del parco. Dedo Roggero Fossati dedicherà il proprio intervento creativo al grande Gabetto. Rolando Carbone e Fabio Albino Cavanna si ispireranno rispettivamente a Borsalino e ai personaggi di Fenoglio, mentre l’omaggio a Giacomo Morra e Pellizza da Volpedo sarà a cura di Giancarlo Ferraris, artista figurativo ideatore ed autore delle etichette dei vini Chiarlo. Dello stesso Ferraris sarà allestita una mostra personale che rimarrà aperta al pubblico per l’intera stagione, lasciando spazio alle collettive nei soli giorni del 6 e del 7 luglio.

Ai momenti di cultura e di memoria si alterneranno momenti più ludici, animati da artisti di strada e saltimbanchi, con il fascino degli spettacoli semplici e colorati dei tempi andati.

2006

24 e 25 giugno 2006 - “ORO, ARGENTO E SBRONZO”
Conversazione semiseria con i campioni dello sport

Un talk show olimpionico nel vigneto La Court.“ Nella vita davvero l’importante è partecipare?” Conversazione sulla competizione umana condotta da Alessandro Torcoli, caporedattore della rivista Civiltà del bere, con Alberto Tomba (la leggenda delle nevi), Livio Berruti (il mito di Roma ‘60), Massimo Berruti (il ras del pallone elastico), Giuseppe Vaccarini (il campione del mondo dei sommelier).

 

Una notte tra le vigne camminando come in un sogno tra i filari del Parco artistico tra le installazioni di Lele Luzzati e le opere di altri artisti. Nelle serate in punti diversi del Parco wine bar, prodotti tipici e musica in vigna.

Cinema sotto le stelle: "Frammenti di gloria" curato da Stefano Sardo, creatore di "Corto in Bra", esperto in cinema e cortometraggi: un blob di un'ora che presenta scene, famose e non, della storia del cinema, dove lo sport diventa leggenda.

Mostra: "Insieme per vincere" a cura di Raquel Barriuso Diez- Vittorio Amedeo Sacco. Trofei Olimpici creati da artigiani-artisti piemontesi Mostra fotografica: " Angoli privati" di Paolo Minioni. "Museo della Memoria" Ipotesi di donazione di Natale Zoppis

Due parentesi di notevole interesse “enogastronomico”, riservate alla stampa: la verticale Cannubi e Cerequio: 2 miti e 3 grandi annate “piemontesi” (1996/1999/2001) e l’inaugurazione della prestigiosa boutique di Gian Domenico Negro (Arbiora), paladino della Robiola di Roccaverano.

2005

 
1 e 2 luglio 2005 – “ EROS IN VIGNA”
Percorso dei Sensi tra Arte Eros e Vino

Un percorso artistico dallo stuzzicante titolo “Eros Arte e Vino” che, attraverso cascine e vigneti, ha fatto da palcoscenico, alle diverse performance degli arti sti invitati: dal fotografo tedesco Norbert Schmelz ai reading di poesie (attraverso la poesia erotica da Dante a Paolo Conte) di Giovanni Succi e della pianista Claudia Lanni, alla mostra fotografica 'Non solo Pin Up' una carrellata di copertine delle riviste più glamour degli anni '40 e '50.

 

Un programma intenso contrassegnato anche da un intrigante talk show: ‘Non ci resta che Bacco e Venere', con la partecipazione del popolare artista televisivo Platinette, che ha risposto con sottile ironia anche alle domande più esplicite sul sesso e sull'amore.

Dedo Roggero Fossati e Ronaldo Carbone, già un creatori dei “Guardiani della Vigna”, le teste segnapalo che ornano il percorso insieme ai siti di Luzzati, hanno realizzato con Giancarlo Ferraris dipinti dal vivo con modelle in vigna. Per il cinema: “Eros e Vino” un blob di un'ora che racchiude scene della storia del cinema, famose e non, dove la seduzione incontra il vino con un sorriso, curato da Stefano Sardo, creatore di “Corto in Bra”, esperto in cinema e cortometraggi.

2004

11 e 12 giugno 2004 – “GIALLO DI VINO"
Misteri notturni in vigna

Manifestazione che si avvalse della collaborazione della Libreria del Giallo di Milano . Promozione del territorio e contaminazione fra le arti – letteratura, enologia, musica, cinema, teatro, gastronomia: un viaggio nel quale non dobbiamo scoprire l'assassino, ma il mistero del vino, scambiarci idee e suggestioni, indagare i nostri autori preferiti, il piacere di bere e leggere bene e di stare insieme.

 

Padrino della manifestazione un astigiano Doc, Bruno Gambarotta che con Tecla Dozio e Giancarlo Ferraris, daranno vita a questo incontro.
Gli autori ospiti delle serate: Massimo Parlotto, Giorgio Faletti, Marcello Fois, Carlo Lucarelli, Massimo Marcotullio, Andrea G. Pinketts, Roberto Valentini.

25 e 26 giugno 2004 – “CORTO IN VIGNA”
Rassegna di Cortometraggi sotto le stelle. Evento in collaborazione con Corto in Bra e Slow Food on Film.

2003

1 luglio 2003 – “SI ACCENDE LA VIGNA”
Il Parco Artistico Nel Vigneto presentato dall'Associazione ORME Su LA Court.
   

L'evento dell'anno 2003 è stata l'apertura del Parco stesso e la presentazione al pubblico e alla stampa della struttura e dello spirito dell'iniziativa da parte dei rappresentati dell'Associazione, presieduta da Giancarlo Ferraris.

Dopo un breve discorso di presentazione del progetto e dei partecipanti, le vigne costellate di opere d'arte si sono aperte al pubblico.

 

 


Per informazioni, referenti stampa:
Laura Chiarlo: tel. 339 4111938 | laurabotto@aliceposta.it

PARCO ARTISTICO NEL VIGNETO “ORME SU LA COURT”
Cascina La Court, Castelnuovo Calcea (Asti), Piemonte, Italia

Per prenotazioni e informazioni sugli orari e periodi di apertura:
+39 0141.769030
email: orme@lacourt.it
web: www.lacourt.it
 

::: home :: comunicati stampa :: immagini a 300dpi :: contatti :: links :: f.a.q. :: crediti :::


www.michelechiarlo.it | MICHELE CHIARLO Azienda Vitivinicola
Strada Nizza-Canelli, 14042 CALAMANDRANA (Asti) - Italy
telefono: (+39) 0141 769030 - fax: (+39) 0141 769033

gmb1 web studio | www.gmb1.com